Antonio de Pascale

Anche Piazza della Libertà, la piazza martire dell'Avellino già colorata e serena di Cesare Uva, ci si presenta sul cammino della sua travagliata esistenza, da quando sul lato meridionale e orientale svettavano la torre dell'orologio e la maiolicata cupola di S. Francesco sul <<quartiere>> militare borbonico, che tale rimase anche ai tempi della Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale, e si affidava alla memoria dei posteri...